Login
Risultati della ricerca

Pèire que préiquen, call for land artist

10 Gennaio 2020

Attraverso la residenza d’artista Pèire que préiquen (“pietre cheparlano”, in lingua occitana) l’Ecomuseo Terra del Castelmagno intende promuovere la conoscenza a livello locale ed extra-locale del sito de le Laouziere, le storiche cave di pietra di S. Pietro Monterosso (Cuneo), attrraverso uan open call per (land) artisti. Le Laouziere di San Pietro Monterosso è un sito di cave di ardesia che tra il XVII e il XX secolo hanno rappresentato un nucleo fondamentale nella vita lavorativa e sociale della Valle Grana.

Dal 2007, l’Ecomuseo Terra del Castelmagno tutela e valorizza la “Terra” in cui nasce: la Valle Grana. Terra come paesaggio, superficie, territorio geografico lavorato dall’uomo ma anche come luogo caratterizzato da una cultura specifica, da stili e abitudini di vita, da una e tante comunità.

All’interno di questo mondo, sempre con un occhio puntato all’universo circostante, l’Ecomuseo intende realizzare una residenza d’artista, ovvero un processo di scambio artistico e di valorizzazione di un sito fortemente connotato per la sua essenza materica ed emozionale: le Laouziere, antiche cave di pietra di San Pietro Monterosso. Da luogo di lavoro e attività produttiva, le antiche cave diverranno oggetto di ricerca e sperimentazione, proiettate verso uno scenario futuro in cui saranno luogo di fruizione turistica e produzione artistica, nei principi della sostenibilità e della tutela del paesaggio e del territorio.

Durante il periodo di residenza la/il land artist vincitrice/vincitore dovrà produrre un’opera site-specific con le caratteristiche dettagliate nella call, che dialogherà con una ricerca narrativa ed emozionale prodotta dagli altri artisti in residenza (un sound designer e un attore/narratore). Tutto ciò che verrà realizzato durante questo periodo farà parte di un
percorso artistico di valorizzazione territoriale, occasione di incontro tra memoria, paesaggio e arte contemporanea.

Alla call possono partecipare artisti di ogni nazionalità ed età che operino nel campo dell’arte contemporanea e della land art, con comprovate esperienze nella realizzazione di interventi site-specific. Tra le candidature pervenute sarà selezionata/o una/un artista. Al vincitore/vincitrice sarà offerta una residenza tra il 2 e il 9 maggio 2020 .

Maggiori informazioni e i requisiti necessari per partecipare alla call si possono leggere qui >>>
Deadline 10 marzo 2020

Pèire que préiquen e u  porgetto di Associazione La Cevitou, in collaborazione con Associazione Chambra d’Oc, Associazione NOAU | officina culturaleAssociazione Liretta, e grazie al contributo di  Fondazione CRC. Il progetto si avvale della collaborazione di istituti di ricerca, enti pubblici e realtà culturali del territorio, che apporteranno conoscenze, idee e competenze per lo sviluppo di un progetto che vuole dialogare con la comunità della Valle Grana e del territorio cuneese. Aderiscono al progetto: Polytechic of Turin, Municipality of Monterosso Grana, Associatione Contardo Ferrini Association, Fondazione Filatoio Rosso, Viano marmi s.n.c., Unione Montana Valle Grana.