Login
Risultati della ricerca

NAH_Residency – NUOVA OPEN CALL

21 Gennaio 2020

ANIMALI: Interdipendenza tra Specie

2 Residenze sono offerte: Giugno 2020

Scadenza NAHR Giugno: 1 Febbraio 2020

ISCRIVITI (l’iscrizione e’ gratuita)

VISIONE

NAHriconosce che tutti gli organismi viventi dipendono l’uno dall’altro per sopravvivere. Questa convivenza è alla base del pensiero ecologico e tiene in primo piano la necessità di combattere i cambiamenti climatici e salvare le specie animali dall’estinzione. NAHR 2020 intende promuovere una coscienza espansa, abbracciando questi problemi attraverso un “dialogo” sensoriale e riflessivo. Da questa esplorazione, riteniamo di poter sviluppare un cambiamento fondamentale nell’approccio globale alla Natura, allontanandoci dalla visione gerarchica, che vede l’umanità come autorizzata a dominare qualsiasi altra specie, e verso un approccio olistico in cui l’umanità vive in armonia con altre specie.

Adeguandosi al contesto di indagine emerso, i Residenti saranno incoraggiati a creare artefatti volti alla trasformazione di una visione del mondo incentrata sull’ego, in una visione eco-centrica. I progetti potrannno concentrarsi su: perdita di biodiversità, relazioni interspecie, vulnerabilità delle specie, sforzi di conservazione, biopolitica, tra gli altri argomenti. I Residenti sono incoraggiati ad esplorare oltresi’ come gli animali possono ispirare il progetto creativo: design, architettura, arte, musica e / o arti dello spettacolo.

INTERESSI

I cambiamenti climatici e la perdita di biodiversità sono interconnessi. Tuttavia, il primo ha ricevuto la maggior parte dell’attenzione nel recente discorso ambientale. NAHR 2020 vuole concentrarsi e trovare ragioni per cui dovremmo dare la priorità anche al tema della biodiversità,  perché dipendiamo gli uni dagli altri!

Gli effetti visibili dell’impatto umano sui cambiamenti climatici e la crescente perdita di biodiversità in tutto il mondo, hanno generato un rinnovato interesse per soluzioni resilienti e bio-inclusive per invertire la crisi climatica. Riteniamo che queste soluzioni debbano tenere conto degli stili di vita e delle aspirazioni attuali, dei progressi tecnologici, e di essere informati da precedenti storici per la coesistenza interspecie, dandosi anche l’opportunità di imparare dal passato. Ciò consente alle nostre esplorazioni di spaziare in scala dal micro al macro bioma.

Allineato con gli obiettivi della convenzione sulla biodiversità di Rio 1992, che non sono ancora stati adeguatamente realizzati, NAH2020 offre un eco-laboratorio a chi interessato a sviluppare strategie per riequilibrare e ridisegnare le relazioni tra le specie.

HABITAT, LA VALLE

Il paesaggio della Val Taleggio, nelle Prealpi Orobie Bergamasche, con i suoi scenari emozionanti e l’ambiente fisico appartato, servirà come ricca fonte di ispirazione per le idee, e un terreno fertile per far prosperare progetti bio-ispirati.

La biodiversità della Valle costituisce un habitat per centinaia di specie, sia selvatiche che domestiche, nelle acque, nel suolo e nell’aria. Il paesaggio mostra caratteristiche distinte e varie a diverse quote, dal fondo dei burroni agli alpeggi del Parco delle Orobie. Micro-animali (microrganismi e microbi) e invertebrati (insetti, molluschi, vermi e ragni), pesci, rettili, uccelli e mammiferi possono essere tutti facilmente osservati, servendo come ispirazione per l’indagine creativa.

I suoi villaggi e le sue città, a poca distanza gli uni dalle altre, offrono molte opportunità di osservare e studiare l’ambiente “costruito”, fatto di strutture sia naturali che artificiali, e la loro alterazione nel corso degli anni, poiché le strategie di abitazione umane e non umane si modificano in continuazione a seguito del fenomeno dell’adattamento -conseguente al mutamento di fattori ambientali, economici e sociali. Nidi di uccelli, roccoli (torri di caccia), ragnatele, tane e fattorie sono esempi di alcune delle molte costruzioni che promettono di ispirare il pensiero simpatetico, le risposte di progettazione e altre strutture durante la residenza.

Crediamo che le percezioni umane sul mondo siano migliorate esplorando i meccanismi che altre specie hanno sviluppato per rilevare, mappare e muoversi attraverso gli stessi territori degli umani. Dato che tutti i sensi sono impegnati in un’esplorazione del laboratorio ecologico vivente della Valle, si inizia a percepire il mondo in modo diverso. La residenza persegue infine l’idea che questo cambiamento nella percezione sia la chiave per la resilienza creativa, il meccanismo che consente agli ecosistemi di creare una vita sostenibile attraverso l’adattamento e la cooperazione.

LE DOMANDE

NAHR mira a sostenere lo sviluppo e la condivisione di progetti bio-ispirati, innescare conversazioni e stimolare possibili ricerche e collaborazioni future. Con questo in mente, di seguito sono riportati alcuni stimoli iniziali per i candidati:

1. Domande sulla coesistenza:

• In che modo possiamo immaginare un mondo post-umanocentrico in cui tutti gli organismi viventi possano coesistere? Come possiamo interpretare questa citazione di Giorgio Agamben(4): “… le relazioni tra animali e uomini assumeranno una nuova forma e l’uomo stesso si riconcilierà con la sua natura animale”?

• In che modo l’ascesa di tecnologie intelligenti come A.I. possono adattarsi a una visione di convivenza?

2. Domande sui confini di Interspecie:

• Come definiamo i confini tra le specie che dipendono l’una dall’altra? Come possiamo comprendere questi confini in contesti storici, culturali e biologici?

• La vulnerabilità di alcune specie si traduce in vulnerabilità di tutte le specie?

3. Domande sulla percezione delle dimensioni, sulla scalarità, o sui sensi:

• In che modo la dimensione di un organismo influenza la percezione dell’umanità della sua rilevanza o valore?

• Come possiamo sviluppare la nostra capacità di interagire con il non umano in modo non visivo, quali sono i vantaggi di questo?

• Rilevare il mondo come fanno gli animali può favorire nuovi tipi di relazioni tra le specie?

4. Domande sul fare e costruire:

• Possiamo imparare a costruire in un modo più adeguato all’ambiente osservando tane, ragnatele, nidi, ecc.?

• In che modo le costruzioni di animali non umani e le tecniche utilizzate possono contribuire alla loro sopravvivenza e alla loro prosperità?

PROPOSTE

NAHR incoraggia esplorazioni sperimentali basate su concetti, teorie o metodologie rilevanti a livello globale sulla coesistenza interspecie e sul pensiero post-antropocentrico come quadro fondamentale. La collaborazione tra discipline, con altri membri di NAHR, è particolarmente incoraggiata e supportata. Queste esplorazioni possono essere fatte utilizzando differenti media e saranno condivise alla conclusione di NAHin forme espressive tra cui, a titolo esemplificativo ma non esaustivo: spettacoli di danza, recitazioni di poesie, installazioni artistiche, attivazioni site-specific e altri prodotti creativi.

Data l’importanza che ha per NAHR il contesto, coinvolgente e specifico,  quando si elaborano le proposte i candidati devono dimostrare i modi in cui i loro progetti cercheranno di interagire con la Val Taleggio come uno spazio mutevole e multidimensionale in cui le caratteristiche locali si intersecano con una dinamica globale. I candidati devono mostrare come intendono esaminare elementi ed ecosistemi all’interno della Val Taleggio, ridimensionando o collegando i loro soggetti a concetti rilevanti a livello globale.

In linea con il tema di quest’anno, NAHR incoraggia le applicazioni che propongono un approccio interdisciplinare o transdisciplinare attraverso una gamma di forme e modalità espressive creative, che potrebbero assumere la forma di disegni, azioni, eventi e così via, in cui l’uso dell’ecosistema della Valle rimarrà un elemento chiave della proposta. I progetti che propongono l’osservazione degli animali nel loro habitat con tutti i suoi elementi, compresi gli stati naturali e quelli umanamente modificati, sono particolarmente incoraggiati.

Insieme a NAH(Workshop), i partecipanti a NAHR (Residency) visiteranno pascoli alti e bassi, cammineranno sulle montagne, parteciperanno a lezioni tenute da specialisti dell’area e saranno guidati attraverso i paesaggi circostanti (naturali e costruiti), al fine di esplorare le interconnessioni locali e confrontarle con quelle delle valli limitrofe, come la Val Brembilla, Brembana, Seriana e Imagna. Offrendo l’opportunità di investigazioni specifiche per sito, NAHincoraggia i partecipanti a esplorare le interazioni e le relazioni all’interno degli ecosistemi delle vallate.

Cerchiamo di offrire un ambiente fertile per una serie di ricerche interdisciplinari e, in cambio dell’offerta di queste opportunità, ci aspettiamo che i NAHFellows completino le loro elaborazioni (progetti, azioni, eventi, ecc.) e le presentino al termine del loro tempo in Val Taleggio.

references:
(1) (2) https://www.upress.umn.edu/book-division/books/when-species-meet
(3) https://www.un.org/en/events/biodiversityday/convention.shtml
(4) Giorgio Agamben, The Open. Man and Animal, 2004
(5) http://sdg.iisd.org/events/2020-un-biodiversity-conference/?fbclid=IwAR1ktcfr4qFt7GbOBzD3HORhgJ7iQ0wdH02pg4FfMNFDl6a6EpUjx6y0Rug

ISCRIVITI